Menu Content/Inhalt
Home

Syndication

Statistiche

OS: Linux w
PHP: 5.2.17
MySQL: 5.0.92-50-log
Ora: 05:24
Caching: Disabled
GZIP: Disabled
Utenti: 173
Notizie: 612
Collegamenti web: 6
Visitatori: 1435524

Counter

Start at 25.07.2007

Fuji EX-20
Scritto da Administrator   
domenica 08 aprile 2007
 

La Fuji EX-20 è stato il primo fallimentare tentativo di passare al digitale. Macchinetta compatta, 2 Megapixel, ottica fissa, costo 82 euro. Accantonata immediatamente.

Acquistando questa piccola digitale avevo pensato di avere risolto il problema dell'ingombro delle macchine tradizionali e del peso delle ottiche da portarsi dietro, ma alla prima uscita la delusione è stata tanta e mitigata solamente dalla mia previdenza. Una gita a Mantova della quale non sono riuscito a portare a casa che un paio di foto scattate con la mia stravecchia compatta analogica, mentre le quasi 70 foto scattate con la digitale sono risultate impossibili da scaricare sul PC, erano visualizzabili sul visore della Fuji ma ogni tentativo di portarle sull'hard disk si è rivelato impossibile, dopo vari tentativi non erano più neanche visualizzabili sulla macchinetta. Messa immediatamente a riposo.

Marcello Salvi

Ultimo aggiornamento ( domenica 08 aprile 2007 )
 
Canon T70
Scritto da Administrator   
domenica 08 aprile 2007
  

La Canon T70, uscita nel 1984, ha rappresentato una rivoluzione nel mondo della fotografia, rappresentava l'anello di congiunzione tra hobby e professione.

  

La Canon T70 ha rappresentato la possibilità di operare quasi professionalmente con una macchina semplificata, dotata di computer, con programmi preimpostati e facili da selezionare, ancora priva di autofocus permetteva grandissima libertà d'azione senza sacrificare la facilità d'uso.

 

Il pannello dei comandi semplicissimo permette di scegliere l'utilizzo, con il classico ed efficiente obiettivo da 50m Canon e l'integrazione di un altro altrettanto classico Canon 35mm-70mm le sue possibilità di utilizzo sono quasi infinite.

Il prezzo dell'epoca era abbastanza elevato, 900.000 lire, oggi è possibile acquistarla usata con ottica originale da 50mm a poco più di 100 euro, a mio parere un investimento perché è la macchina ideale per imparare i rudimenti senza affidarsi completamente ai computer sofisticatissimi delle odierne digitali.

Per chi avesse ancora questo modello o volesse acquistarlo usato potete scaricare da qui il Manuale d'Istruzioni ed il Manuale delle Riparazioni (entrambi in Inglese purtroppo).

 Manuale Istruzione 6,2 Mb - Manuale Riparazione 6,6 Mb

Marcello Salvi

Ultimo aggiornamento ( domenica 08 aprile 2007 )
 
La Nona Porta
Scritto da Administrator   
venerdì 06 aprile 2007
 

La Nona Porta

(1999)

Arturo Perez-Reverte è uno scrittore colombiano che ha iniziato la sua carriera come giornalista. Tra le sue opere da tenere in considerazione un grande capolavoro intitolato "Il Club Dumas".

È proprio da questo romanzo che il regista Roman Polanski ha tratto la sua ultima pellicola intitolata "La Nona Porta". Nel libro si intrecciano due storie, delle quali una riguarda un capitolo inedito della nota opera di Dumas, "I Tre Moschettieri". L'altra storia è quella che più è analizzata e rappresentata nel film, e riguarda un manuale satanico stampato nel XVII° secolo, da un veneziano, Aristide Torchia, morto sul rogo come eretico.

 

Satanico

Un pò rimaneggiato rispetto al Libro, soprattutto nella figura dell'Angelo Caduto interpretato dalla Seigner, difatti mentre nel film appare come un'Ancella del Demonio nel Libro rappresentava un Angelo Caduto, ossia uno di quegli Angeli che avendo preso parte alla Rivolta di Lucifero era stata cacciata dal Paradiso ma accortasi dell'errore aveva rifiutato il Maligno ed era rimasta in una terra di mezzo. Il film non eccede in velocità, un eufemismo per dire che è abbastanza lento, riflessivo, molto incentrato sulla storia, sull'investigazione, sul Mistero e sulle ambientazioni, effetti speciali ridotti veramente all'osso (direi inesistenti), peraltro come dovrebbe essere sempre in un lavoro che punta tutto sulla trama. Si tratta di un film vecchio stile, giocato sulle luci, sui colori, sui rumori, sul detto e non detto, sull'eterno fascino del male. Eccezionali luci e fotografia. Gli si potrebbe imputare un finale interlocutorio, in sostanza un "non finale", ma chi ha letto il libro sa che proprio quello è il finale della storia: una scelta aperta a chiunque.

Marcello Salvi


L'Angelo Caduto Emmanuelle Seigner

Ultimo aggiornamento ( lunedì 09 aprile 2007 )
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 131 132 133 134 135 136 137 138 Pross. > Fine >>

Risultati 525 - 528 di 551

Avvertenze

Tutto quanto pubblicato in queste pagine, dai Testi alle Immagini, a qualsiasi altra cosa non sia esplicitamente indicata come usata in concessione deve intendersi coperta dal Diritto d'Autore del Titolare del Sito e non può essere utilizzata senza un'Autorizzazione specifica.

Sito ottimizzato per

IE 6.0 

 Opera 9.23 

 Google Chrome 1.0

 Mozilla Firefox 1.8
(con IE Tab)

Alitalia

Facebook

Sondaggi

Chi e' online